Si fa presto a dire “compostabile”. Per evitare utilizzi impropri di un termine cruciale per il passaggio a un sistema produttivo a minor impatto ambientale, nel 2002 il Comitato europeo di normazione ha introdotto la norma EN 13432.

L’obiettivo è già piuttosto chiaro nel suo titolo: “Requisiti per imballaggi recuperabili mediante compostaggio e biodegradazione”.

La EN 13432 nasce anche per colmare alcune lacune della precedente direttiva 94/62/CE, che causavano possibili incomprensioni o usi impropri dei termini “compostabile” e “biodegradabile”.

In base alla norma, un materiale può definirsi “compostabile” se possiede le seguenti peculiarità:

  • degradabilità pari ad almeno il 90% entro sei mesi in presenza di  un ambiente ricco di anidride carbonica. Il valore deve essere verificato in base al metodo ISO 14855.
  • se messa in contatto con materiali organici per tre mesi, la massa del materiale deve essere costituita almeno per il 90% da frammenti di dimensioni inferiori a 2 mm, da verificare secondo lo standard ISO 14045.
  • il materiale non deve avere effetti negativi sul processo di compostaggio
  • bassa concentrazione di metalli pesanti additivati al materiale
  • i valori di pH, il contenuto salino, le concentrazioni di solidi volatili, azoto, fosforo, magnesio e potassio devono rimanere al di sotto dei limiti stabiliti

Come può sapere l’acquirente se il sacchetto acquistato è biodegradabile e compostabile?

  1. Controllare la dicitura di conformità alla norma UNI EN 13432:2002 cercando sul sacchetto la frase “Sacco biodegradabile e compostabile conforme alla norma UNI EN 13432:2002. Sacco utilizzabile per la raccolta dei rifiuti organici” che di solito viene riportata lateralmente o nella zona frontale.
  2. Cercare sul sacchetto i marchi che attestano la certificazione della biodegradabilità e della compostabilità, come ad es. “OK Compost”, “Compostable” e “Compostabile CIC”, “OK Vincotte”, “Mater Bi”.